Libertà femminile

1 Ago

Patrizia Caporossi

 “Lavorare sul senso e sul valore della libertà femminile: non più trascurabile nè riducibile a un mero dato denotativo aggiuntivo. C’è lì concentrata la storia (rinata) della coscienza-di-sè che ha messo e mette in discussione e ridisegna tutto il simbolico occidentale. E’ questo che diventa insopportabile? Perchè di fatto anche traducibile nei (nostri) gesti quotidiani. Ma solo così si può ripensare e (ri)scorgere l’autenticità dell’essere (eticamente necessaria senza o con Dio) nella sua coniugazione vitale di genere per l’umana-unità”, contributo per Paestum (Patrizia Caporossi, la tuffatrice, Ancona, cfr. “Il corpo di Diotima. La passione filosofica e la libertà femminile, Quodlibet, 2009, 2011)

 

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: