Rassegna stampa -corriere del mezzogiorno – 4 ottobre

9 Ott

Paestum, femministe a confronto in tempo di crisi

Dal 5 al 7 ottobre, l’incontro nazionale “Primum vivere: la sfida femminista nel cuore della politica”. Summit anche a Napoli

SALERNO – C’è una strada per guardare alla crisi della politica, dell’economia, del lavoro, della democrazia, tutte fondate sull’ordine maschile, con la forza e la consapevolezza del femminismo? Le istanze, le categorie, gli strumenti elaborati dal femminismo negli anni Settanta; quell’“a partire da sé” che ha poi generato tante lotte e conquiste per le donne possono ritornare utili in questo momento di forte degrado della qualità della vita, della politica, della rappresentanza, del senso di comunità?
Di questo si discuterà nel prossimo fine settimana a Paestum dove un gruppo di femministe storiche ha convocato l’incontro nazionale “Primum vivere, anche nella crisi – la rivoluzione necessaria”. “La sfida femminista nel cuore della politica” è stata lanciata, prima dell’estate e subito hanno aderito centinaia di associazioni, di singole, di movimenti, di gruppi che arriveranno nella cittadina dei templi per rivendicare il protagonismo femminile e provare a declinare modalità e parole nuove utili a tutti, in questo tempo in cui la politica è sempre più subalterna all’economia.
Laura Guerra

IL PROGRAMMA – Nel corso della tre giorni, da venerdì 5 a domenica 7 ottobre, nelle sale dell’hotel Ariston, gruppi di lavoro si confronteranno organizzati in quattro aree tematiche: voglia di esserci e di contare; economia lavoro e cura; auto-rappresentazione/rappresentanza; corpo, sessualità, violenza, potere. La tre giorni sarà preceduta da un seminario di approfondimento organizzato dall’associazione Artemide che ospiterà il 3 e 4 ottobre dalle 17 alle 19 presso la Sala Erika in piazza Santini, a Capaccio Scalo, la presidente della Libera Università delle Donne di Milano, Lea Melandri.

A NAPOLI – Il racconto della Melandri, oltre a ripercorrere le tappe della storia del movimento femminista si soffermerà sulle parole e sulle pratiche elaborate durante quell’esperienza; sulla femminilizzazione del lavoro e sul valore che ha la presenza delle donne marca nei processi produttivi e sulla scena pubblica analizzando il valore D cioè la capacità di ascolto e di mediazione, cura delle relazioni, il dare valore all’affettività. Incontro preparatorio, anche a Napoli dove venerdì pomeriggio alle 16,30 nell’antisala dei Baroni del al Maschio Angioino si parlerà di scrittura della differenza, intervengono Luisa Cavaliere, Maria Liguori, Luisa Muraro, Wanda Tommasi, Chiara Zamboni, Giovanna Borrello.

Laura Guerra
redazioneweb@comunicareilsociale.com

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: