Rassegna Stampa – Lucrezia Ricciardi – Unico settimanale online

9 Ott

Il fiume carsico del femminismo

Tante sollecitazioni, tante riflessioni smuove l’incontro delle femministe che da Paestum hanno lanciato “una sfida nel cuore del crisi”. Senza trombe mediatiche, senza patrocini, senza clamori, quasi in sordina qui da tutta Italia sono arrivate in tante. Trenta promotrici tra cui Lea Melandri e Bia Sarasini hanno orchestrato un semplice tam-tam. Sabina Izzo, Maria Bellelli, Gabriella Paolucci, e Rosalba Sorrentino, le tre promotrici locali, hanno prenotato una sala con 350 posti a sedere e dato l’afflusso è servita una sala grande quasi il triplo.

Non è stata una delle tante noiose e paludate assemblee politiche che si vedono in giro per l’Italia, qui non ci sono stati leader da eleggere nè guru o sciorinate menti sopraffine da applaudire. Colpisce la forma e colpisce il metodo: un migliaio di donne di ogni età in un clima di festa (non c’erano fiori ma la sala odorava magnificamente di fiori), nessuna relatrice, il palco vuoto, luce in platea e un microfono aperto a chiunque avesse qualcosa da dire. Un raro esempio di dialogo effettivamente orizzontale.

A tutte sta a cuore la prefigurazione di un’altra poltica, a Paestum si è parlato di educazione sessuale nelle scuole; della rappresentazione mediatica del corpo delle donne; del precariato e/o reddito di cittadinanza; dello sfruttamento della forza lavoro di quelle ombre che sono in Italia le donne extracomunitarie. Detto così sembra poco. E’ arduo circoscrivere i temi latenti e quelli affrontati in questo incontro, ancora più arduo restituirne il quadro generale in cui queste tematiche da anni sono inserite, necessita forse una premessa. Sul femminismo storico, quello uscito dalla seconda guerra mondiale, quello del “68”, quello “dell’aborto e del divorzio” si è innestato il più recente movimento del “Se non ora quando” (2011), quindi sebbene questa entità sociale esista da anni “le donne organizzate” si muovono ancora come un fiume carsico, il pensiero declinato al femminile scava grotte e poi impetuosamente erompe per generare vere e determinanti sterzate sociali.

l femminismo è forse l’unica filosofia veramente incarnata; ha un poderoso apparato teorico ma è soprattutto una pratica esistenziale che molte donne vivono nella vita di tutti i giorni. Alcune donne hanno consapevolezza di ciò e si organizzano in gruppi dove poi si produce un agire politico che diventa servizio al territorio e/o produce tanta, tanta letteratura. Sono una minoranza, viaggiano intorno ai sessantanni, vivono spesso in grandi città, con un buon impiego e molto impegnate in questa missione, un aura tra lo snob ed il sofisticato demodè le connota, ma in primis sono delle gran generose. Poi ci sono le femministe che non sanno neanche di esserlo, donne che per istinto o vocazione percorrono il proprio sentiero solitario di “emancipazione” fuori da ogni gruppo, senza etichette e senza bandiere da sventolare, queste donne “comuni” sono la stragrande maggioranza. Tutte queste donne (…beninteso quelle che non dormono) nei momenti cruciali rinserrano le fila e fanno corpo. Sono tanti i fili di questa tela che da anni l’universo femminile sta tessendo contro la subalternità a qualcuno o a qualcosa e l’invisibilità sociale. Non si può negare che esista per gli uomini e per le donne, ma non si sa perchè per le donne esiste di più.

Forse tutto dipende da quel pantheon che sovraintende l’immaginario collettivo umano, qui non ci sono ancora eroine o figure femminili a tutto tondo, si segnala qualche vittima sacrificale ma questo genere di eroismo piace sempre meno alle donne. Gli archetipi della Madonna, di Cassandra, di Penelope ancora aleggiano sulla nostra testa, sofferenza e pazienza, nel quadro dell’humana conditio questo ancora si chiede alle donne.

anticipazione da Unico settimanale online

Advertisements

Una Risposta to “Rassegna Stampa – Lucrezia Ricciardi – Unico settimanale online”

  1. Lucrezia Ricciardi 10 ottobre 2012 a 15:04 #

    Le locali promotrici dell’incontro (associazione artemide) mi fanno sapere che non sono in tre ma in quattro.
    Alle già citate da me nell’articolo manca Sabina Izzo.

    p.s.cara Maria omissione tamponata -spero-
    Lucrezia

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: