Progetto e autocoscienza: nuova proposta di incontro

5 Apr

di Daniela Pellegrini e Luisa Vicinelli

 

Dopo il 1° incontro avvenuto a Bologna il 14 e il 15 dicembre scorso sul tema:

PROGETTO E AUTOCOSCIENZA

Una nuova proposta d’incontro

PER RIFARE CHIAREZZA SULLE PRATICHE E SULLE “TEORIE” PRODOTTE FIN QUI, SUI TEMI E FATTI DI REALTA’ FONDAMENTALI con una pratica che renda possibile districarsi nei nostri percorsi soggettivi e rendere ragione di scelte e consapevolezze – anche all’interno delle nostre “azioni” concrete – e relative contraddizioni, fascinazioni e giustificazioni…Vogliamo aprirci a davvero nuovi avvistamenti di libertà.

Appuntamento:

31 Maggio, 1, 2 Giugno 2014

Agriturismo “Casa La Lodola” vicino a Bologna

una occasione da vivere insieme ed approfondire alcuni temi : il denaro, gli uomini e il maschile, il conflitto tra donne.

“Come programmato durante il primo incontro a Bologna lo scorso dicembre, vorremmo riprendere l’autocoscienza come strumento e metodologia femminista, con la sua valenza politica, e darci la possibilità di affiancarla ad altre pratiche di consapevolezza, che alcune di noi stanno già sperimentando.

Vogliamo proporre un incontro-convivenza di tre giorni, in una casa che ospita gruppi, che ha spazi comuni per i momenti di riflessione e che ci permette il contatto con la natura, per interrogarci e confrontarci in presenza. La scommessa di questo incontro è, oltre che nel contenuto, nel metodo: provare a “ ri-editare e rielaborare la pratica dell’autocoscienza, che molte non hanno mai sperimentato..per renderla più aderente all’oggi” come ci propone Daniela Pellegrini.

Ci vogliamo incontrare per aumentare la consapevolezza dei nostri percorsi di femministe e provare a mettere in atto una pratica comune che ci consenta di ricentrarci per non disperdere le nostre energie e modificare nel concreto le nostre realtà di vita.

Per alcune di noi la scoperta dell’esistenza, nel passato e nel presente , di gruppi sociali fondati sui valori matriarcali ci dimostra che esiste la possibilità di un vivere insieme alternativo, dove le donne non sono soggette a un rapporto di sudditanza agli uomini. Queste società si basano sulla centralità delle donne e sul principio creativo femminile in tutti gli ambiti: economico, sociale e culturale e ciò garantisce una società dove le differenze sono rispettate e la violenza è assente.

Ma la domanda di fondo rimane quella di sempre: che rapporto abbiamo come donne col modello patriarcale che abbiamo interiorizzato al punto tale da continuare ad agirlo senza nemmeno rendercene conto?

Vorremmo indagare partendo da noi e dalle nostre vite e per questo abbiamo individuato tre temi che ci sembra basilare affrontare per iniziare a compiere un’azione di de-patriarcalizzazione collettiva: il denaro, gli uomini, il conflitto tra donne.

Il denaro a tutt’oggi regola ancora i nostri desideri. Non solo averlo o non averlo fa una sostanziale differenza; vorremmo fare luce sulla nostra disposizione ad approfondire le conseguenze su ognuna di noi della profonda e pervasiva mentalità dello scambio e la possibilità di pensare altri tipi di relazione economica non basate sul denaro. I nostri rapporti con gli uomini condizionano ancora le nostre scelte. E non si intende qui solo il rapporto con il partner, ma anche con i figli e i parenti: il maschile rappresenta ancora e comunque , il “genere” del potere e del successo. Fino a che punto ci siamo liberate di questa interiorizzazione? Fino a che punto ci affidiamo, ad esempio come fanno le donne dei matriarcati, le une alle altre in totale fiducia? Siamo pronte ad abbandonare percorsi storicamente e socialmente consueti per abbracciare l’ignoto di un nuovo ordine femminile? E infine, che cosa mettiamo in atto nei conflitti fra di noi? Cosa ancora dobbiamo cambiare per una relazione piana (o sororiale) e costruttiva fra donne, dal momento che questi conflitti si manifestano anche e soprattutto in ambienti femministi, dove si presume che certi percorsi siano già stati fatti?”

ORGANIZZAZIONE : L’incontro ha inizio il 31 maggio alle ore 11 e continua l’1 e il 2 giugno fino all’ora di pranzo. Il luogo scelto è Casa La Lodola vicino a Bologna http://www.casalalodola.it I costi saranno 40 € per i pernottamenti delle due notti di sabato e domenica, a cui sono da aggiungere la spesa condivisa per il cibo (l’uso della cucina in autogestione è incluso) Proponiamo una condivisione egualitaria dei costi di trasposto di ciascuna. Stiamo organizzandoci per dare ospitalità venerdì notte in zona a chi arriva da più lontano, per poi andare insieme al luogo dell’incontro. L’incontro si conclude col pranzo del lunedì 2 Giugno. Per maggiori informazioni e iscrizioni contattare Luisa Vicinelli tel 340 8386192 email matriarcato@gmail.com

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: