Tag Archives: Carla Lonzi

Il movimento delle donne tra accomunamento e frammentazione

31 Ott

Paola Zaretti (Oikos-bios Centro Filosofico di Psicanalisi di Genere)

Intervento presentato alla Libera Università delle donne di Milano il 20 ottobre 2010

Mi sembra che dopo Paestum la necessità di affrontare un tema che mi sta molto a cuore – il rapporto fra Unità e frammentazione all’interno del movimento delle donne, a partire dalla nota domanda di Olimpe de Gouges:“Le donne saranno sempre divise le une dalle altre? Non formeranno mai un corpo unico?” – sia più viva e urgente che mai. Cercherò di dimostrare che la soluzione a questo problema non può essere, per le donne, l’alternativa fra corpo unico e divisione trattandosi di un’alternativa, che è la riproposizione, in forma rovesciata, del vecchio dualismo fra Uno e diverso tanto caro al patriarcato e alla cultura occidentale. Continua a leggere

Annunci

Donne che ascoltano

8 Ott

Paola Zaretti

Care amiche, mi scuso per il ritardo. Vi mando alcune riflessioni che avrei voluto portare all’incontro al quale purtroppo non mi è stato possibile partecipare. Grazie per l’attenzione.

“Non è giusto diventare un Paio d’Orecchie”
(C. Lonzi, Taci, anzi parla. Diario di una femminista, 1973)

Forse bisogna avere delle piccole orecchie per ascoltare le donne, le loro storie, le loro peripezie, per cogliere fino in fondo il Tragico della condizione femminile.
Piccole come quelle di Arianna…il doppio femminile di Dioniso. Continua a leggere

Carla Lonzi

15 Lug
  • Per paestum: A tutte quelle che considerano inutile o ambigua la distinzione tra “cura e lavoro di cura”, propongo di riflettere su questa affermazione di lonzi: senza dare significato ai momenti improduttivi, la trama di cui la cura è tessuta, come potremmo dare “estensione” , politica, esistenziale, teorica, alla vita, e alla convivenza che vogliamo costruire, differente da quella che ci viene imposta e proposta?
    Carla Lonzi “Dare alto valore ai momenti “improduttivi” è un’estensione di vita proposta dalla donna”.