Tag Archives: democrazia

Democrazia, autogoverno e istituzioni

24 Ott

di Maria Grazia Sentinelli 

Provo a fare un resoconto del laboratorio, anche se sento la difficoltà di dar conto di tutto quello emerso, considerando che eravamo circa 70 e che dato il limitato tempo a disposizione non si è riuscite ad interloquire come necessario, volendo dare la possibilità a ciascuna di prendere la parola almeno una volta.

Abbiamo cominciato interrogandoci su come le diverse pratiche politiche delle donne siano riuscite a modificare, oltre noi stesse e la nostre vite, anche il contesto sociale e il mondo “altro” governato dal simbolico patriarcale .

Continua a leggere

Annunci

Quale democrazia per la terra, per le donne, e per tutti?

5 Feb

Floriana Lipparini

Il dibattito che si è riacceso all’interno del mondo femminista intorno ad alcuni temi chiave, anche a seguito dell’incontro di Paestum, presuppone che pur nelle differenze esista un comune scenario di riferimento. Alcune pensano che il lavoro politico delle donne possa sbocciare al meglio solo nelle situazioni di base, altre invece sono convinte che la “timidezza” nel confrontarsi con i luoghi del potere abbia bloccato la possibilità di contare e di incidere.
Ma c’è un pensiero comune: se le donne insomma, dalla base o dal vertice, facessero le scelte giuste, in questo vetusto sistema politico e sociale qualcosa cambierebbe. Continua a leggere

La pretesa in più e la democrazia

1 Nov

Maria Grazia Campari

La pretesa in più che oggi possiamo autorizzarci mi sembra espressa chiaramente da molte donne del movimento, giovani e meno giovani, alcune presenti a Paestum 2012: è, in fondo, la pretesa di una buona vita.

Non si tratta di desiderio femminile di una “visibiltà…aderente alla modificazione della realtà avvenuta in questi anni” (P. Melchiori) per il semplice ma essenziale motivo che non viviamo una realtà in cui il problema sia semplicemente quello di renderci visibili perché ne siamo appagate o, quantomeno, parzialmente soddisfatte. Continua a leggere

Rassegna Stampa -Giulia Clarkson -La Nuova Sardegna -15 ottobre 2012

16 Ott

All’origine è la constatazione di uno iato. La consapevolezza della perdita di senso e significato esacerbata da questi anni di crisi. Crisi della politica, dell’economia, del lavoro, della democrazia. Che mostra e dimostra la radicalità della questione. O si fa la rivoluzione, ovvero si opera per lo stravolgimento del sistema dai fondamenti, o si rimane impantanati nell’ordine stereotipato delle cose. Che è quello maschile, dicono le femministe che si sono date appuntamento a Paestum (luogo emblematico, in cui 36 anni fa si svolse l’ultimo convegno femminista) il 5, il 6 e il 7 ottobre per discutere, in una plenaria aperta e quanto mai partecipata, «se la politica femminile che fa leva sull’esperienza, la parola e le idee, può in un momento di crisi, smarrimento e confusione, restituire alla politica corrente un orientamento sensato».

LEGGI TUTTO