Tag Archives: pratica femminista

Rassegna stampa: Stefania Tarantino, Tristana Dini, Barbara Verzini – il manifesto

13 Ott

Cliccare sull’immagine o qui per visualizzare la versione pdf

Tarantino_Dini_Verzini_Corpo_a_corpo

Annunci

Non in mio nome: aderisco ma…

9 Ott

di Gabriella Paolucci

Aderisco all’appello “Non in mio nome”, ma con alcune precisazioni.

Non condivido infatti l’idea che a Paestum sia emerso “lo iato che intercorre tra una presa di parola politica più spostata su ciò che accade fuori di noi e una presa di parola tesa a consolidare la pratica di relazione tra donne”: credo infatti che fra le due cose non solo non ci sia contraddizione, ma al contrario una coincidenza costituzionale, se è vero, come credo sia nello spirito delle due assemblee di Paestum, che la pratica femminista di relazione sia essa stessa una FORTE parola politica su ciò che accade fuori di noi…Cosa è infatti la sostanza di ciò che non ci piace in questo decreto se non la violazione del diritto di ognuna/o a veder riconosciuta la propria volontà e responsabilità? E cosa sarebbe stato allora il pretendere che “l’esigenza di molte, seppure non di tutte, di prendere parola pubblica sul decreto femminicidio” dovesse tradursi in una deliberazione collettiva dell’assemblea di Paestum?

Continua a leggere

Appunti per il laboratorio “Reinventare il lavoro e l’economia”

12 Set

 di Tristana Dini e Stefania Tarantino

A Paestum vorremmo riprendere ad interrogarci sulla trasformazione radicale del lavoro nel sistema neoliberista e sugli effetti perversi che questo sistema ha sulle nostre vite, naturalmente a partire dall’esperienza soggettiva di ciascuna. Il lavoro oggi, nella sua intermittenza e nell’incertezza che produce, ha un carattere divoratore che si gioca non solo sul piano individuale ma anche relazionale. Mangia tutto: il nostro tempo, le nostre relazioni, la nostra felicità, producendo isolamento e mettendo di fronte a paradossi, come ad esempio il lavorare senza percepire un reddito, oppure trascorrere il proprio tempo alla ricerca del lavoro stesso in un circolo vizioso di formazione e progettazione senza fine.

Continua a leggere